Ergonomia in ufficio: migliora benessere e produttività
Idee per l’ufficio

Ergonomia in ufficio: migliora benessere e produttività

Creare un ambiente di lavoro che garantisca il miglior rapporto uomo-ambiente è la quintessenza dell’ufficio ergonomico. A tal proposito, organizzare un ufficio in modo ergonomico può dimostrarsi uno dei modi migliori per incrementare la produttività, migliorare il livello di comfort e ridurre i costi della vostra azienda. È più facile di quanto sembri: dei dipendenti motivati e sani svolgeranno i propri compiti con più entusiasmo e garantiranno maggiore efficienza. A beneficiare di un ufficio ergonomico sarà l’intera azienda.

Perché è importante ottimizzare l’ergonomia?

Creare un ambiente di lavoro salutare e confortevole aumenta il livello di benessere dei propri dipendenti e li fa sentire più valorizzati.

Avere degli impiegati più felici ed in salute, oltre al valore etico in sé, significa maggiore produttività ed efficienza per la vostra azienda. Una postazione in grado di garantire una postura corretta e movimenti ridotti si traduce in una ottimizzazione delle prestazioni lavorative. Più i dipendenti sono felici e organizzati e più aumenta la loro produttività, mentre diminuisce al contempo il tasso di assenteismo.

Inoltre, diversi studi hanno dimostrato che una scarsa ergonomia contribuisce alla generazione di stress cronico e di disturbi muscolo-scheletrici sia a breve che a lungo termine. Ad esempio, utilizzare una sedia non ergonomica porta ad una postura scorretta che a sua volta può causare ai propri dipendenti forti mal di schiena, che nel peggiore dei casi, risultano in giorni di assenza. Rimanere seduti troppo a lungo può avere effetti dannosi sulla salute quali diabete e disturbi cardiaci.

Consigli per progettare un ufficio ergonomico

Grazie alle numerose soluzioni ormai disponibili per rendere un ambiente lavorativo più ergonomico, ecco alcuni consigli sui complementi d’arredo per ufficio più utili per apportare miglioramenti al vostro spazio di lavoro. Sebbene siano un po’ più costosi di quelli standard, il ritorno proveniente dal benessere psico-fisiologico dei vostri dipendenti sarà sicuramente maggiore.

Sgabello ergonomico

Al posto delle comuni sedie, non adatte a tutti e ai differenti problemi che ognuno può avere, si consiglia di considerare l’acquisto di uno sgabello ergonomico. Le sue caratteristiche principali sono: robustezza, la presenza di un poggia-ginocchia imbottito e una struttura che favorisce una postura naturale, aiutando a prevenire inutili traumi.

Sedia ergonomica

Si tratta di una sedia dinamica pensata per tenere il corpo attivo e spesso priva di schienale come gli sgabelli ergonomici. Si differenzia dalla sedia attiva, che è quella normale che tutti conosciamo.

THE CHAIR_IT

Standing desk

È una scrivania rialzata che non richiede l’uso della sedia e che permette di lavorare in piedi. È stata pensata per combattere la sedentarietà garantendo la massima libertà di movimento durante il lavoro.

Supporto lombare per la schiena

Attraverso un semplice supporto, regolabile e adattabile a tutti i tipi di sedia, si evita la spiacevole e così frequente tensione lombare che tutti gli impiegati conoscono. Si adatta alla posizione della schiena ed è fornito di un sistema di ancoraggio che evita continui spostamenti della colonna vertebrale.

Supporto per le braccia

Assicuratevi sempre di avere un supporto per le braccia e regolatelo sempre all’altezza corretta, poiché i braccioli fungono da supporto non solamente per gli avambracci ma per tutta la parte superiore del corpo. Per evitare di avvertire dolore o indolenzimento al collo e alle spalle i braccioli devono essere posizionati a 90 gradi, in modo da permettere una posizione rilassata di spalle e gomiti.

Poggiapiedi

L’uso di un poggiapiedi permette di evitare spiacevoli dolori alle gambe e alla schiena, favorendo una posizione più confortevole durante tutto l’arco della giornata. Regolando infatti la sua altezza con i piedi, si migliora inoltre la circolazione del sangue e si attivano le caviglie.

Assumere la giusta posizione

Assumere la giusta posizione mentre si lavora è importante tanto quanto avere l’ultimo modello di sedia ergonomica, o forse di più. Per prima cosa, non stravaccatevi. Se vedete un collega sprofondato sulla sedia consigliategli di assumere una posizione corretta o di utilizzare un supporto lombare.

Sedersi in modo corretto

Evitate di abbassarvi o guardare in alto per leggere, incurvando la schiena e cercate di non chinarvi continuamente sulla scrivania. Avvicinate la vostra sedia il più possibile alla scrivania per evitare di allungarvi o piegarvi di continuo e cercate di avere tutto a portata di mano nella vostra postazione di lavoro, dal bicchiere dell’acqua a quel documento che vi serve. La distanza tra voi e la scrivania e la vostra postura dipendono dal tipo di arredamento che avete a disposizione.

Monitor

Tenete il monitor alla giusta altezza. Uno dei problemi che si verificano con maggior frequenza è il dolore al collo provocato da una postura errata per un tempo troppo prolungato. Il monitor, per esempio, dovrebbe trovarsi all’altezza degli occhi e a distanza di un braccio dal viso. Se questo risultasse difficile, può essere un buon investimento l’acquisto di un supporto. È importante inclinare il monitor leggermente verso l’alto, posizionando lo schermo in modo che la parte inferiore sia leggermente più vicina a voi rispetto a quella superiore. In questo modo tutto ciò che appare sullo schermo sarà più visibile, riducendo mal di testa e affaticamento visivo, oltre a diminuire bagliori e riflessi. La posizione del capo deve essere perpendicolare alla posizione dello schermo per evitare di incurvare collo e schiena stancandola inutilmente. Se necessario usate scatole, libri o supporti per posizionare il monitor all’altezza dei vostri occhi.THE SCREEN_IT

Tastiera

Posizionate la tastiera direttamente di fronte a voi, in modo da allineare i tasti al centro del vostro corpo: vi aiuterà a mantenere i gomiti appoggiati sui braccioli con un angolo di 90 gradi, facilitando così una postura corretta. Tenete i polsi dritti, infatti se non si presta attenzione a questa postura, mani e polsi assumeranno una posizione leggermente inclinata, portando nel tempo al rischio di sviluppo della sindrome del tunnel carpale. Un’ottima soluzione potrebbe essere quella di usare dei poggia polsi, che oltre a facilitare una postura corretta funzionano anche da imbottitura per superfici dure. I supporti per i polsi dovrebbero essere utilizzati solo per riposare gli arti tra una battuta e l’altra e non mentre si scrive.

THE KEYBOARD_IT

Sulla scrivania

Posizionare gli oggetti a portata di mano sulla vostra scrivania, oggetti di uso frequente come le penne, il mouse e il relativo tappetino. Non solo per una questione di risparmio di tempo, dunque, ma anche di un miglioramento in termini di salute, è sempre opportuno tenere a poca distanza almeno gli oggetti usati più frequentemente. Un piccolo movimento come l’allungamento del braccio o la rotazione del polso, se fatto nella maniera sbagliata, può risultare dannoso.

Sotto la scrivania

Tenete entrambi i piedi appoggiati a terra per ottenere la massima ergonomia. Quando regolate l’altezza della vostra sedia operativa dovete accertarvi che i vostri piedi si appoggino comodamente al suolo. Se lasciate penzolare i piedi nel vuoto sottoporrete gli arti inferiori e la zona lombare ad un’inutile pressione, che può avere conseguenze a lungo termine.

Prendersi cura del proprio corpo in ufficio

Per mantenere una buona mobilità articolare mentre si lavora alla scrivania, potete seguire i seguenti esercizi, molto semplici e facili da praticare:

  • Sciogliere le spalle. Inspirate profondamente mentre alzate le spalle verso il l’alto e poi rilasciatele verso il basso.
  • Abbracciare il proprio corpo. Sciogliete le braccia allungandole il più possibile verso la spalla opposta.
  • Alzarsi e risedersi. Senza utilizzare il supporto delle mani alzatevi dalla sedia e sedetevi di nuovo.
  • Sollevare le gambe. Per aumentare la circolazione sanguigna, mentre siete seduti sollevate entrambe le gambe verso la scrivania e rimettetele a terra.

Rimanere attivi anche in ufficio è molto importante, per questo motivo vi consigliamo di raggiungere un collega alla scrivania per una conversazione faccia a faccia, piuttosto che comunicare via email. Ma anche di preferire le scale all’ascensore ogni volta che si presenta l’occasione. Altri suggerimenti per diminuire i rischi per la salute causati dal lavoro sedentario riguardano l’alimentazione sana, che dovrebbe essere ricca di frutta e verdura, e l’assunzione di liquidi sufficiente al fabbisogno giornaliero.

Prendersi cura della propria vista in ufficio

Anche l’occhio vuole la sua parte. Non parliamo di estetica in questo caso, ma dell’attenzione che si dovrebbe avere per la propria vista quando si lavora in ufficio.

Sedetevi almeno ad un braccio di distanza dallo schermo ed evitate ogni riflesso dovuto all’illuminazione artificiale. Se necessario utilizzate un software anti-riflesso in modo da facilitare la lettura di qualsiasi tipo di testo e affaticare di meno la vista.

Seguire la regola 20-20-20. Per proteggere ed allentare gli occhi dall’affaticamento causato dalla costante concentrazione su un unico schermo, spostate lo sguardo ogni 20 minuti e guardate un oggetto a una distanza di almeno 20 piedi (circa 6 metri) per 20 secondi. La regola “20-20-20” aiuta a rilassare i muscoli dell’occhio e a ridurre la fatica.