Scrivania standing contro scrivania tradizionale
Guida all’acquisto

Scrivania standing contro scrivania tradizionale

Mentre l’ufficio tradizionale evoca l’idea di impiegati stipati in cubicoli o seduti lungo una fila di scrivanie, sta nascendo una nuova tendenza sulla necessità di cambiare posizione  mentre si lavora.

Di seguito abbiamo analizzato i pro e i contro dell’utilizzo di una standing desk per lavorare da in piedi.

Scrivanie tradizionali

Siamo probabilmente tutti abituati a stare ricurvi sulle nostre scrivanie per rispettare una scadenza ignorando così quei diagrammi che mostrano una posizione seduta corretta. Pur non trasformandoci in un Quasimodo da ufficio dal giorno alla notte, mantenere una posizione seduta a lungo potrebbe crearci ulteriori problemi, come l’indolenzimento dei muscoli, mal di schiena, e altri problemi medici seri, come il diabete e problemi cardiaci.

Tuttavia, sedersi ha un lato positivo. Per esempio, dopo aver fatto una corsa nel parco in pausa pranzo è piacevole sedersi per rilassarsi e non scaricare tutto il peso sulla vostra schiena. I diagrammi sull’ergonomia mostrano che importanti benefici della posizione seduta sono il riposo e il recupero dopo un’attività fisica intensa, aiutandovi a mantenere basso il livello di stress e dandovi freschezza. Sedersi è di particolare importanza se siete incinte, avete vene varicose o altri tipi di problemi fisici.

Vale la pena investire in uno sgabello ergonomico, non solo confortevole e utile per il supporto, ma anche per prevenire e correggere eventuali problemi alla schiena o al collo causati da una postura scorretta.

Consiglio

Dal momento che non siamo tutti uguali, non scegliete una sedia qualsiasi. Una sedia ideale si può adattare alla vostra altezza e lunghezza delle braccia, può essere inclinata e ha braccioli regolabili che vi dovrebbero permettere di posizionare le braccia alla giusta angolatura rispetto alla tastiera. Se le vostre finanze non vi consentono di comprarne una nuova, pensate invece a un cuscino lombare o a uno angolare per la vostra sedia.

Scrivania Standing

Stare seduti alla scrivania tutto il giorno, magari anche per la pausa pranzo, può apparire come una costrizione sia fisica che mentale. Come può quindi il passaggio a una scrivania standing farvi sentire più liberi?

I benefici fisici che si ottengono lavorando a una scrivania standing si abbinano a quelli mentali. Per esempio, chi sente le gambe indolenzite dopo un lungo periodo a sedere può notare un miglioramento della situazione. Altri hanno invece affermato di sentirsi meno stanchi utilizzando questa scrivania.

Un beneficio immediato consiste nell’aumento di concentrazione e, quando avete il blocco dello scrittore, essere in piedi aiuta immediatamente il sangue a fluire verso il cervello e potrebbe innescare un po’ di creatività, piuttosto che essere seduti e rimuginare sul problema. Inoltre, stare in piedi aiuta a dimagrire, siccome il vostro corpo brucia più calorie che da seduti.

Ci sono tuttavia aspetti negativi e se avete problemi posturali è meglio lavorare da seduti. Stare in piedi a lungo col mal di schiena può infatti apportare una pressione maggiore sulla vostra spina dorsale e portare a ulteriori problemi a lungo termine. Per stare comodi in posizione eretta avete poi bisogno di un buon paio di scarpe, o potreste provare da scalzi, anche se non potrebbe essere troppo pratico in un ufficio affollato.

Consiglio

La scrivania standing dovrebbe essere regolata in modo tale che lo schermo del vostro computer si trovi alla distanza di circa 60 cm dai vostri occhi. Per leggere bene dovreste essere in grado di guardare orizzontalmente o leggermente in basso e la scrivania dovrebbe essere a un’altezza tale che le vostre spalle formino un angolo di 90 gradi. Chi usa un portatile potrebbe poi acquistare una tastiera esterna e un mouse per evitare di avvicinarsi troppo allo schermo.

Il meglio da entrambe i modi

Da un estremo all’altro, scegliere immediatamente di passare da una posizione seduta a una in piedi potrebbe ovviamente risultare un po’ difficile, ma ci sono benefici nel fare entrambe le cose durante la giornata. Cercate di trovare il vostro equilibrio cambiando tra le due frequentemente, per vedere quale sia la più adatta. Iniziate stando seduti per 20 minuti, seguiti da 20 minuti in piedi e 15 minuti di pausa dopo due ore. Se avete un meeting veloce, evitate di assopirvi e state in piedi, in modo da aiutare la circolazione sanguigna, la creatività e ridurre gli indugi.

Potrebbe avere senso avere una scrivania per sedersi e una per stare in piedi, ma quando lo spazio scarseggia potrebbe risultare impossibile. La soluzione a questo problema potrebbe essere una stazione per computer regolabile, che permetterebbe di lavorare da seduti o in piedi nello stesso luogo a seconda delle vostre preferenze. Sebbene sia una soluzione un po’ costosa, ciò vi dà la libertà di scegliere, aiutandovi così a ridurre la scomodità e il dolore causati dal fare troppo di uno dei due. In fondo, aumentare la produttività e diminuire le assenze sono buone ragioni per pensare a questo investimento.

Consiglio

La vostra scrivania necessita di due piani, uno per il monitor e l’altro per la tastiera, in modo da non appesantire troppo il collo e le braccia. La vostra scrivania dovrebbe essere abbastanza spaziosa per permettervi di stare confortevolmente di fronte al monitor e sufficientemente grande per ospitare materiale extra come portaoggetti, il vostro telefono e il temuto vassoio della corrispondenza in arrivo.

Qualunque sia la vostra scelta, assicuratevi che sia la cosa giusta per voi ed i vostri colleghi.