4 consigli per stampare senza sensi di colpa
Know-how e consigli

4 consigli per stampare senza sensi di colpa

Consigli per stampare senza sensi di colpa

Abbiamo tutti letto i giornali: gli uffici computerizzati sono il futuro e stampare documenti non solo non è necessario, ma anche dannoso per l’ambiente. Abbiamo veramente bisogno tutte le volte di una copia cartacea dei documenti che i nostri colleghi ci inviano? Anche se pensiamo davvero di sì, può darsi che non ci sentiamo a posto con la coscienza, ma non c’è da preoccuparsi, perché possiamo rimediare al senso di colpa che sentiamo nel premere Ctrl+P.

Eccovi quattro semplici passi per alleviare i vostri rimorsi, ridurre i costi di stampa e, allo stesso tempo, rispettare l’ambiente.

Comprate un buona stampante

Scegliete stampanti a risparmio energetico marchiate Energy Star, proprio come fareste se doveste comprare un frigo o una lavatrice. Queste stampanti sono ideate per rispettare le linee guida più rigide sul rendimento energetico, in modo tale da aiutarvi a ridurre i consumi. Inoltre, paragonate il costo di stampa per pagina per capire se un modello a inchiostro o laser vi permetta di stampare di più, siccome così non ridurrete solo gli sprechi ma risparmierete anche molto nel lungo termine.

Comprare una stampante centralizzata è meglio che averne una per ogni dipartimento o team, dato che le testine rimangono sempre in movimento e le cartucce o i toner non hanno il tempo di asciugarsi. Considerate l’idea di scegliere una stampante con una cartuccia per colore, per evitare di sprecare l’inchiostro inutilizzato degli altri quando ne cambiate una. Potreste anche considerare una stampante multifunzione, che vi permetterebbe anche di ridurre i costi di gestione di più stampanti in standby.

Tenete d’occhio le impostazioni della stampante

Scegliere i caratteri ed i settaggi corretti di pagina può ridurre l’uso d’inchiostro e toner. Caratteri chiari come Calibri e Cambria, per esempio, ne richiedono meno e margini sottili permettono di usare meno carta.

Potete anche risparmiare inchiostro stampando i documenti di uso interno in modalità “bozza” e riservando una qualità più alta per i clienti. Assicuratevi che le vostre impostazioni predefinite siano su “fronte-retro” e controllate l’anteprima di stampa per essere certi di non stampare pagine mezze vuote. Infine, ricordatevi di cliccare sull’opzione “in bianco e nero” se non la stampa a colori non è necessaria.

Comprate carta con accortezza

Cercate carta marchiata dal Forest Stewardship Council (FSC) per essere sicuri di fare una scelta eco-consapevole. L’FSC garantisce infatti che gli alberi tagliati vengano ripiantati o abbiano la possibilità di ricrescere e che le comunità locali, la natura e la fauna selvatica siano protetti.

Se volete poi una carta con un livello di riciclo ancora superiore, cercatene una usata con un’alta percentuale di fibra riciclata. Questa accortezza assicura la riduzione del taglio di alberi e della quantità di prodotti di scarto destinati alla discarica.

Ricordate di riutilizzare e riciclare

Riciclare fogli già stampati vi permetterà di risparmiare sull’acquisto di nuova carta. Se solo un lato è utilizzato, girate il foglio dall’altra parte e inseritelo di nuovo nella stampante. Un’altra idea potrebbe essere di utilizzare come post-it la carta straccia, per annotazioni e promemoria. Infine, tenete un cestino getta carta vicino ad ogni scrivania e raccogliete ogni foglio che non può essere riusato.

Decidere quando stampare o meno non è sempre così semplice, ma se proprio doveste aver bisogno di una copia cartacea, queste linee guida vi aiuteranno a fare una scelta eco-sostenibile ed economicamente vantaggiosa.