Tutto cominciò con carta e penna
Approfondimenti

Tutto cominciò con carta e penna

Alcuni dei momenti storici più famosi e significativi al mondo sono stati siglati con una firma. Dai trattati di guerra ai contratti musicali, è stupefacente guardarsi alle spalle e riflettere su quanto un piccolo segno di penna fatto su un pezzo di carta sia in grado di cambiare le sorti dell’umanità.

Ecco alcuni esempi dei più importanti documenti scritti o firmati di sempre, per l’impatto che hanno avuto sulla società:

  • Magna Carta. Il 15 giugno 2015 si è celebrato l’800esimo anniversario dalla firma della Magna Carta. Si tratta di un documento d’importanza fondamentale nella storia dell’umanità, in quanto considerato come un notevole passo verso la democrazia e il diritto moderno in Inghilterra. Concessa da re Giovanni per limitare le rivolte dei baroni, sanciva limitazioni al monarca, l’indipendenza della Chiesa e tasse più regolari imposte ai sudditi.
  • La prima opera di Shakespeare. Sebbene questa idea sia ancora in discussione, molti studiosi ritengono che l’autore inglese abbia composto la sua prima opera nel biennio 1589-90. Si tratta della prima parte dell’Enrico VI, seguito poi dai due capitoli successivi l’anno seguente.
  • La Dichiarazione d’Indipendenza. Il 4 luglio 1776, Thomas Jefferson scrisse su pergamena la Dichiarazione d’Indipendenza Americana, che dichiarava appunto l’indipendenza delle 13 colonie dall’Impero Britannico. Il documento, poi stampato e distribuito al pubblico, sottolineava i diritti individuali e influenzò la Rivoluzione Francese.
  • Il Congresso di Vienna. Dopo 25 anni di guerre massacranti e la Rivoluzione Francese, per la prima volta i rappresentanti degli stati europei decisero di sedersi a tavolino il primo novembre del 1814 per discutere le sorti delle loro popolazioni. Nonostante gli accordi non siano durati a lungo, le modalità di trattativa sono prese a modello ancora ai giorni nostri.
  • Il Patto di Roma. Il 3 giugno del 1944, a poche ore dalla liberazione di Roma dall’invasione nazista, venne siglato un patto tra i rappresentanti dei tre partiti politici italiani principali: socialista, democristiano e comunista. È così che nasce la CGIL, uno dei sindacati più importanti d’Italia, nonostante poi le intenzioni dei tre fondatori iniziali non siano andate in porto per contrasti ideologici interni.
  • Tony Wilson. L’artista di Manchester, secondo la leggenda, sarebbe entrato a far parte dei Joy Division firmando un contratto col sangue. Inoltre, fu lui stesso ad affermare che più che altro si trattasse di un atto politico, secondo il quale “la società [con cui il contratto era stato firmato] non possiede nulla, i musicisti sono i responsabili di tutto ciò che fanno e della loro musica e gli artisti sono sempre liberi di levarsi dai piedi”.
  • Il primo autografo di Messi. Nel 2012 è venuto alla luce un reperto davvero interessante appartenuto al più volte vincitore del Pallone d’Oro Lionel Messi. In occasione del suo provino col Barcellona, il futuro campione allora 13enne, in assenza di un pezzo di carta, utilizzò come primo contratto un fazzoletto di carta.

Queste storie appartenenti a diversi ambiti, dal politico allo sportivo, sono state davvero significative e importanti e sebbene non si possa sempre separare la realtà dal mito – e forse qui sta proprio la parte più affascinante- immaginate quanto tutto ciò sarebbe potuto essere diverso e semplice se stampanti e computer fossero sempre stati disponibili.