Fatti interessanti sulla stampa
Approfondimenti

Fatti interessanti sulla stampa

Oggi stampare è considerato qualcosa di pressoché naturale e scontato, ma non sono passati molti anni da quando questo procedimento ha rivoluzionato il nostro modo di lavorare in ufficio. Dall’invenzione della stampa a caratteri mobili di Gutenberg nel 1455 alle modernissime stampanti 4d, passando per le prime HP a getto d’inchiostro nel 1984 e le Canon Laser, di strada ne è stata fatta davvero tanta. Sapevate però che la storia della stampa è piena di fatti divertenti e curiosi?

Ecco dunque 5 aneddoti davvero interessanti sulla stampa:

– Il libro antico più piccolo del mondo: è il Dantino, una versione della Divina Commedia di Dante che non risalta tanto per la dimensione delle pagine (di soli 56×34 mm), ma per l’uso del 128°, il carattere dalle dimensioni più ridotte. Per fare in modo che questi caratteri, unici nel loro genere, non venissero più utilizzati, sono stati distrutti nel 1878 e le matrici donate al Museo Nazionale di Torino.

– Il record di stampa di 500 fogli: la stampante da ufficio HP Office Jet Pro ha gareggiato in questa particolare competizione contro altre cinque macchine della stessa categoria. Il risultato è stato eccellente, essendo riuscita a battere le avversarie con ben 500 fogli a colori stampati nel tempo record di 7 minuti e 18 secondi. Fateci dunque un pensierino, se quello che cercate è una stampante di qualità e veloce ma di prezzo ridotto.

– L’Incredibile Hulk: tutti conoscono il personaggio dei fumetti creato da Stan Lee nel 1962 e celebre per il colore verde della sua pelle. Quello che però in molti non sapranno è che il gigante, nella versione originale, era stato ideato in colore grigio per dissociarlo da qualunque etnia. Per un errore di stampa, però, alcune copie vennero stampate in verde e Lee, preferendo la nuova versione, decise di lasciarla inalterata.

– La stampante 3D più grande del mondo: il Professor Behrokh Khoshnevis dell’Università della Southern California ha progettato una stampante di così grandi dimensioni da poter essere utilizzata per costruire una casa. La stampante, collegata al computer, ha ugelli che spruzzano getti di cemento, che permettono di creare pavimenti, muri e solette. Lo studioso asserisce che attraverso questa tecnologia, detta Contour Crafting, si potrebbe costruire una casa di 100 metri quadri in sole 24 ore.

La stampante 4D: questa nuova invenzione è stata definita di fondamentale importanza per lo sviluppo umano dai ricercatori del centro ARC dell’Università australiana di Wollongong. Se la tecnologia 3D usa tre dimensioni spaziali, in quella 4D viene introdotto anche il fattore temporale. La nuova idea consiste nel creare prodotti in grado di mutare le proprie sembianze nel tempo, per esempio sotto l’influenza di stimoli esterni provenienti da acqua o temperatura. Questa nuova tecnologia potrebbe risultare molto utile in robotica o, per esempio, nella creazione di valvole termostatiche.

Anche se le stampanti 4D sono ancora in fase di sperimentazione, quelle 3D stanno vivendo una periodo di grande successo, anche grazie alla riduzione dei loro costi. Per questo i fatti riguardanti la stampa stanno diventando ancor più numerosi, divertenti ed insoliti. Sapevate, per esempio, che una studentessa californiana ha stampato il vinile di Smells like Teen Spirit dei Nirvana?</>